Nessuna categoria

Il saluto del presidente Coffari

Il saluto del presidente Coffari

Un mandato solido e innovativo

Quindici anni che hanno cambiato i consumi, i consumatori, la grande distribuzione. E anche Coop Adriatica: le vendite e la superficie di vendita sono più che raddoppiati; i soci, che erano appena 400 mila, hanno superato quota 1.100.000; gli investimenti complessivi sono stati di 1,3 miliardi di euro e il patrimonio di gruppo è praticamente triplicato, toccando oggi i 900 milioni di euro; mentre anche i lavoratori sono diventati quasi il doppio. È il bilancio di una grande trasformazione che ha visto protagonisti molti componenti del Consiglio di amministrazione uscente. A ripercorrerne le tappe è stato, in Assemblea generale, Gilberto Coffari: il presidente di Coop Adriatica dal 2006 all’11 giugno scorso, che in veste di vice presidente – dal ’98 ad oggi – ha vissuto anche buon parte dell’evoluzione avvenuta in seguito all’aggregazione tra Coop Emilia-Veneto e Coop Romagna Marche.
Se dunque le basi su cui il nuovo Consiglio può contare sono solide – ha ricordato Coffari – le sfide restano difficili, in un’Italia impoverita dalla crisi e sempre più iniqua nella distribuzione della ricchezza: “Come cooperativa di consumatori – ha detto – è nostro compito costruire il futuro: il nostro e, per quel che possiamo, quello del Paese, cioè essere insieme una buona cooperativa e un’impresa eccellente, che può realizzare il giusto equilibrio tra presente e futuro”. Disuguaglianze, sviluppo sostenibile, legalità, giovani, capacità di progettare e innovare i servizi per i soci, anche in ambiti diversi dalla spesa quotidiana, sono ora i temi ai quali Coop dovrà guardare: “La crisi selezionerà i migliori, e dunque occorrerà mettere in campo progettualità di lungo periodo e uscire dalle strade note, per dare risposte nuove e imprenditorialmente più efficaci”. Infine, ha concluso Coffari “desidero ringraziare i soci, i soci volontari, i consiglieri di amministrazione per avermi dato l’opportunità di vivere una grande esperienza umana e professionale, e fare i miei auguri al nuovo Consiglio di amministrazione e alla nuova presidenza per le sfide che dovrà affrontare”.
Coffari mantiene la carica di vicepresidente di Unipol Banca e di presidente di Igd, la società quotata che detiene buona parte del patrimonio immobiliare di Coop Adriatica e Unicoop Tirreno. In questa veste, dal 21 giugno, è divenuto membro della giunta di Assonime, l’associazione delle società italiane per azioni.
(Pa.Mi.)

Condividi su

Lascia un commento

Dicci la tua! Scrivi nello spazio qui sotto cosa pensi dell’articolo, la tua opinione è importante per noi.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Ho letto la policy privacy e accetto il trattamento dei miei dati personali

Iscriviti alla
newsletter

di Consumatori

Ricevi ogni mese via mail la rivista digitale e le notizie più interessanti

;