Salute e Bellezza

“Salute, quanti cambiamenti nella vita delle donne”

«La menopausa può rappresentare  un momento difficile nella vita  di molte  donne. Ci si sente ancora giovani e possiamo aprirci a nuovi progetti di vita, ma  dobbiamo fare i conti con alcuni cambiamenti  che possono mettere in crisi la nostra identità di donne. I figli  diventano grandi e autonomi, e non hanno più bisogno di noi, alcune devono affrontare separazioni e divorzi abbandono. E poi, inutile girarci intorno, il corpo cambia, le nostre vite diventano più sedentarie e per alcune la menopausa si fa sentire con vampate, sudorazioni eccessive, stanchezza, perché la mancanza degli estrogeni si fa sentire sia a livello fisico che psichico». Parole di Stefania Ruggeri,  ricercatrice e nutrizionista del Crea Alimenti e Nutrizione, che ha coordinato un team di professionisti  nella scrittura del  capitolo dedicato ai  Consigli speciali della nuova edizione delle Linee Guida per una sana  alimentazione.

E allora, dottoressa, cosa si deve fare per affrontare nel migliore dei modi un periodo di cambiamenti difficile come la menopausa? Le donne in questo momento particolare della loro vita hanno un’occasione per riprendere in mano le redini della loro salute ed  essere più attente ai loro fabbisogni nutrizionali, caratteristiche ed esigenze. Il mio primo consiglio è quello di monitorare  il proprio peso corporeo già prima dell’arrivo della menopausa e se siamo in sovrappeso di  rivolgerci a un professionista, perché con l’arrivo della menopausa gli estrogeni se ne vanno e siamo più a rischio di  accumulare il cosiddetto grasso addominale, l’odiata pancetta, grasso viscerale difficile da perdere. Ricordiamoci che noi donne per fattori fisiologici tendiamo ad accumulare più facilmente grasso degli uomini, ma attività fisica e alimentazione ci danno una mano.  Da eseguire anche la Moc, un esame che misura la quantità di calcio presente nelle ossa. Serve a determinare se la mineralizzazione si è ridotta e se è già comparsa l’osteoporosi.

E per quanto riguarda l’alimentazione?  Le Linee Guida del Crea danno degli ottimi suggerimenti  alle donne. Chiariscono che per combattere l’osteoporosi non è necessario aumentare i  consumi  di  latte e formaggi, questi ultimi da limitare perché ricchi di grassi saturi, ma che possiamo consumare anche altri alimenti che hanno parimenti un contenuto di calcio molto elevato, come il pesce azzurro, o il polpo, alimenti ottimi anche per gli omega 3.  E poi ci sono anche le fonti vegetali come broccoli, rucola, arance, legumi, frutta secca. Molti studi confermano che, anche se la biodisponibilità del calcio (cioè la quota che viene effettivamente assorbita) presente negli alimenti vegetali è minore, un’alimentazione prevalentemente vegetale bene equilibrata , difficilmente  provoca carenze di calcio. Ecco, le Linee Guida spiegano che attraverso l’alimentazione e l’attività fisica posso limitare  il progredire dell’osteoporosi e limitare i disturbi della menopausa.

Quindi, dottoressa, il consiglio che possiamo dare  è quello di prendersi  cura di sé sempre, e non solo all’approssimarsi della menopausa… Esatto e ovviamente prendersi cura di sé significa anche evitare il più possibile fumo e alcol ,che sono fattori di rischio importanti, e anche cominciare – se non si è fatto prima – a dedicarsi ad attività come il pilates, o lo yoga, che sono anche importanti momenti di socializzazione e ottimi per l’autostima. Diciamo che la menopausa – come del resto altre stagioni della vita della donna – è l’occasione per rimettere a posto la propria salute.

E per quanto riguarda gli integratori? L’unico integratore utile nella vita di una donna è l’acido folico quando programmiamo una gravidanza e nel  primo trimestre. Le nostre Linee Guida  ammoniscono sull’uso del fai da te  in menopausa, soprattutto per quanto riguarda i fitoestrogeni, del tutto inutili. Altro discorso invece è la terapia ormonale sostitutiva, che va valutata assieme al proprio ginecologo riguardo ai benefici e ai potenziali rischi.  Più che usare integratori, ripetiamolo, è necessario fare attenzione a quello che si mangia.

Un altro periodo di grandi cambiamenti è quello dell’adolescenza… Importantissima anche in questa stagione della vita l’alimentazione, che nelle ragazze deve essere particolarmente equilibrata perché sono in una fase fondamentale della crescita, sia  fisica che  psichica: arriva il menarca, si cresce in altezza e anche in peso, il cervello attiva una vera e propria rivoluzione. Tutti  i nutrienti non devono mancare a quest’età per uno sviluppo armonico. Il mio suggerimento è quello di non dimenticare le fonti di ferro (carne, pesce, uova, legumi, frutta secca): le ragazze adolescenti hanno bisogno di 5 mg in più di ferro al giorno rispetto ai ragazzi e  ricordiamoci che l’alimentazione a questa età è importantissima per la formazione delle ossa. Se le ragazze mangiano bene, fanno attività fisica e stanno all’aria aperta, l’osso diventerà più robusto e da adulte il rischio di osteoporosi sarà minore. Ricordiamoci infine che l’adolescenza è un’età complicata perché questa è anche la fase della vita dove possono emergere i disturbi alimentari. Tutti temi che mi stanno molto a cuore e che ho trattato nel mio ultimo libro “Mamma, che fame.  Adolescenti: dall’acne al peso, le ricette e i consigli della nutrizionista” edito da Sonzogno.

Tag: donne, menopausa

Condividi su

Lascia un commento

Dicci la tua! Scrivi nello spazio qui sotto cosa pensi dell’articolo, la tua opinione è importante per noi.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Ho letto la policy privacy e accetto il trattamento dei miei dati personali

Iscriviti alla
newsletter

di Consumatori

Ricevi ogni mese via mail la rivista digitale e le notizie più interessanti

;