Salute e Bellezza

Lavarsi bene le mani per ridurre i rischi infettivi della metà

Lavarsi_mani.jpgSpesso si dedica al lavaggio delle mani pochi secondi nella convinzione che ciò sia sufficiente ad averle pulite. Ma non è così. Le mani sono, infatti, un ricettacolo di germi: circa il 20% è rappresentato da microrganismi non patogeni, che risiedono normalmente sulla cute senza creare danni. A questi, però, possono aggiungersi virus e batteri che circolano nell’aria o con cui veniamo in contatto in diverse occasioni. Una corretta igiene delle mani è fondamentale, inoltre, per gli operatori sanitari perché riduce la diffusione delle infezioni ospedaliere.

L’Organizzazione mondiale della sanità e il Centro per il controllo delle malattie di Atlanta ha chiarito in sei punti quali sono le regole fondamentali per assicurarsi una corretta igiene delle mani e prevenire molte malattie.

1) Innanzitutto, è bene utilizzare sempre il sapone liquido per il lavaggio, e servirsi di acqua corrente che preferibilmente dev’essere calda.

2) Il sapone va distribuito su entrambi i palmi delle mani e poi va strofinato bene per almeno 40-60 secondi sul dorso, tra le dita e nello spazio al di sotto delle unghie, dove i germi vanno ad annidarsi più facilmente. Per rendere più piacevole l’operazione, si può insegnare ai bambini a cantare una canzoncina o una filastrocca che duri almeno un minuto.

3) Finita l’insaponatura, le mani vanno risciacquate abbondantemente sotto l’acqua del rubinetto.

4) Per l’asciugatura, è meglio ricorrere ad asciugamani di carta usa e getta o ai classici dispositivi che rilasciano aria calda. In alternativa si può ricorrere a un proprio asciugamano, rigorosamente personale e pulito, da tenere in borsa.  

5) Una volta pulite, le mani non devono toccare rubinetti e maniglie. Per chiudere il getto dell’acqua, servirsi di una salviettina di carta da gettare subito nella spazzatura.

6) Per evitare che alcuni tipi di sapone troppo aggressivi irritino la pelle, è bene ricorrere a una crema o a una lozione idratante, specie se si devono lavare le mani molto spesso. 

Condividi su

Lascia un commento

Dicci la tua! Scrivi nello spazio qui sotto cosa pensi dell’articolo, la tua opinione è importante per noi.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Ho letto la policy privacy e accetto il trattamento dei miei dati personali

Iscriviti alla
newsletter

di Consumatori

Ricevi ogni mese via mail la rivista digitale e le notizie più interessanti

;