Salute e Bellezza

Ecco come ritrovare i nostri nove oggetti smarriti

Ricordare.jpgIn media si perdono di vista circa nove oggetti al giorno. Chiavi, cellulari, occhiali da sole, borsetta, ombrello, carta di credito, documenti e portafogli più del resto. Al contrario di quanto si pensi però l’età non c’entra, anche i giovani sono smemorati. Contano invece i geni e il sangue freddo perché l’essere sbadati si eredita e si accentua con l’impulsività. Lo dimostra una ricerca condotta all’università di Bonn, in Germania, pubblicata su Neuroscience Letters.

Lo studio ha esaminato 500 persone di circa 25 anni di età, donne e uomini, in base a questionari psicologico-cognitivi e all’analisi molecolare e genetica della saliva. Secondo la ricerca, esiste una ‘suscettibilità’ che dipende da varianti del recettore della dopamina, detto DRD2 – correlato al controllo e all’impulsività – e il 75% degli sbadati possiede queste varianti, come hanno spiegato gli autori dello studio al Wall Street Journal.

Ecco alcuni stratagemmi, suggeriti dagli esperti di fitness della memoria

  1. Metti le cose negli stessi posti scelti in base alle correlazioni con le azioni, come mettere gli occhiali da lettura dove si legge il giornale, il carica cellulare alla solita presa, il portachiavi accanto alla porta, il portafogli nell’armadio dove si lasciano abiti, borse e giacche.
  2. Associa un oggetto alle immagini. Se ad esempio si deve comprare il pollo si deve pensare al macellaio e al banco specifico.
  3. Sempre al supermercato fare la lista delle cose da comprare in base alla disposizione e al percorso che facciamo tra le corsie.
  4. Non ostinarsi a cercare nel momento in cui si è nervosi, meglio attendere…
  5. Ricordarsi quando è stata l’ultima volta che un oggetto è stato usato, generalmente gli oggetti non son molto lontani da quel punto.
  6. Cercare un oggetto, con calma, nei pressi di dove dovrebbe effettivamente essere: spesso, infatti, è proprio lì, ma il nervosismo e la concitazione ci impediscono di vederlo.
  7. Infine se proprio un oggetto non si trova, credere ad un principio fatalista poco usato ma raccomandato dagli esperti: l’oggetto, prima o poi, ricomparirà.

18 aprile 2014 – fonte: ansa

Condividi su

2 Commenti. Nuovo commento

  • Ieri tardo pomeriggio ho fatto la spesa al centro Coop di via Cimabue a Firenze e devo sver lasciato la mia borsa alla cassa.. contiene: portafoglio doc identità patente carte bancomat… ho provato a chiamare ma oggi il centro commerciale è chiuso! Mi fare sapere se l’avete trovata? Grazie mille. Barbara Manetti.

    Rispondi
    • Ciao Barbara, ci dispiace, ma solo il negozio Coop dove hai dimenticato la borsa può darti risposta… vedrai che se era lì l’hanno intercettata e messa da parte. In bocca al lupo!!

      Rispondi

Lascia un commento

Dicci la tua! Scrivi nello spazio qui sotto cosa pensi dell’articolo, la tua opinione è importante per noi.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Ho letto la policy privacy e accetto il trattamento dei miei dati personali

Iscriviti alla
newsletter

di Consumatori

Ricevi ogni mese via mail la rivista digitale e le notizie più interessanti

;