L’evento “Mens-a”, organizzato a Bologna dall’associazione Apun sotto la direzione di Beatrice Balsamo, è giunto ormai al terzo anno di vita e mostra i segni di una crescita che promette bene, attestandosi come appuntamento culturale di prim’ordine. Il cibo come fattore-chiave della cultura e della socialità è al centro di questa iniziativa, intitolata nel 2015 agli “stili conviviali” cioè ai modi della condivisione e dell’ospitalità come elementi costitutivi del gesto alimentare. Storici, antropologi, filosofi, letterati si sono alternati nei tre giorni della manifestazione, dando vita a un dibattito su temi che sono sulla bocca di tutti e sui quali è importante riflettere, per dare conto della straordinaria complessità dei valori simbolici e, in senso lato, ideologici che l’atto del nutrirsi porta con sé, incrociandosi alla sua dimensione nutrizionale.

Mangiare è un gesto individuale; ma è tipico delle società umane compierlo assieme ad altri, attivando forme conviviali che lo arricchiscono di implicazioni sociali e relazionali. Appunto di questo si è parlato negli incontri di “Mens-a” 2015. Il cibo come relazione: sedersi a tavola insieme (ma più in generale, consumare il cibo insieme, giacché non sempre e non ovunque si mangia seduti a tavola) è un modo per rappresentare la comunità, i valori che essa esprime, le relazioni che si costituiscono al suo interno. Anche negli aspetti conflittuali: la vita (e così il convivio che la rappresenta) non è solo accordo e solidarietà ma spesso anche tensione, conflitto. Tutto ciò si esprime a tavola in modo particolarmente immediato ed efficace, data la centralità che il cibo occupa nell’esperienza quotidiana: essenziale per vivere, il cibo incarna e riassume i valori centrali dell’esistenza.

Condividere il cibo (o non condividerlo affatto) è il primo modo per mostrare la relazione che abbiamo col mondo e con gli altri. Per questo “Nutrire il pianeta”, il motto dell’Expo milanese, è ben più di un proclama alimentare: è l’appello a un nuovo modo di configurare i rapporti fra i popoli. In ogni caso dev’essere chiaro che non stiamo parlando solo di calorie. Il cibo è benzina ma anche relazione. È stare a tavola “insieme”. Il primo valore che un “convivio” comunica è quello delle assenze: chi c’è, e chi non c’è.

La dimensione relazionale è anche quella col territorio, col paesaggio, col lavoro. Un rapporto positivo col cibo – che vuol dire conoscenza, reciprocità, attenzione – implica convivialità con i compagni di tavola e anche col prodotto, con i luoghi di cui esso è espressione, con la cucina che lo ha trasformato in cibo. In questo modo si ridà intelligenza e spessore a un gesto fondamentale della nostra vita, che troppo spesso siamo stati tentati di pensare come un gesto banale.

agosto 2015

Condividi su

Lascia un commento

Dicci la tua! Scrivi nello spazio qui sotto cosa pensi dell’articolo, la tua opinione è importante per noi.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Ho letto la policy privacy e accetto il trattamento dei miei dati personali

Iscriviti alla
newsletter

di Consumatori

Ricevi ogni mese via mail la rivista digitale e le notizie più interessanti

;