Onlife

Il lavoro è cambiato e cambierà ancora

La pandemia del coronavirus ha avuto un effetto dirompente sulle organizzazioni, accelerando la velocità della digitalizzazione e rendendo improvvisamente obbligatorie scelte che prima sembravano impossibili: così finalmente molte aziende hanno rotto il tabù del lavoro a distanza, che durante il lockdown è stato l’unico modo possibile per far funzionare gli uffici e dare continuità ai servizi.

E il remote working è una di quelle cose che probabilmente ci porteremo dietro anche più a lungo del distanziamento fisico e delle mascherine, perché – soprattutto quando è possibile alternarlo a momenti di lavoro in presenza e non si è obbligati a fare in contemporanea anche l’home schooling dei figli –  significa risparmiare spostamenti inutili, quindi tempo e costi economici e ambientali.

Ma il telelavoro comporta un cambiamento organizzativo importante, che per molte aziende è avvenuto a ritmi forzati ma proprio per questo va ripensato e consolidato perché tutto funzioni meglio. Bisogna ridefinire scopi e modi del controllo: lavorare a distanza significa dare valore al lavoro che viene svolto più che al tempo che si passa in ufficio; questo implica fiducia da parte dell’azienda e condivisione degli obiettivi e impegno da parte dei lavoratori.

Coinvolgimento e responsabilità sono cruciali anche in termini di sicurezza: accedere ai dati e alla rete aziendale dal computer di casa o, viceversa, usare il portatile aziendale per scopi personali, sono situazioni potenzialmente a rischio, che offrono ai cybercriminali delle occasioni per violare i sistemi e fare danni.

Se l’azienda non fornisce (ancora) un computer da usare in remoto e si deve condividere quello di casa coi familiari, occorre almeno differenziare gli utenti e i relativi permessi e tenere aggiornati sistema operativo, antivirus e software. Bisogna anche che tutti seguano le norme di sicurezza elementari: buona gestione delle password, pensare molto bene prima di cliccare su un link, non scaricare software pirata; può essere l’occasione per imparare insieme migliorando le competenze digitali di tutti.

Bisogna anche evitare che il lavoro dilaghi e occupi troppa parte delle nostre giornate: lavorare in remoto non vuol dire necessariamente essere reperibili a qualunque ora 7 giorni su 7, le pause sono un diritto e, anche in termini puramente utilitaristici, ci consentono di ricaricare le batterie ed evitare il burn-out.

Sicurezza informatica in casa Un’infografica piena di consigli sulle misure da prendere per aumentare la sicurezza informatica fra le mura domestiche; la pagina è in inglese, ma scorrendo si può scaricare anche il PDF della versione italiana.

Lezioni di management dalla pandemia Cosa ci insegna l’emergenza Coronavirus sul nostro modo di prendere decisioni? Come gestire il cambiamento e lo stress? Le considerazioni della scuola di management del Massachusetts Institute of Technology riprese e commentate da Dino Amenduni.

Tag: Sicurezza, smart working, telelavoro, pandemia

Condividi su

Lascia un commento

Dicci la tua! Scrivi nello spazio qui sotto cosa pensi dell’articolo, la tua opinione è importante per noi.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Ho letto la policy privacy e accetto il trattamento dei miei dati personali

Iscriviti alla
newsletter

di Consumatori

Ricevi ogni mese via mail la rivista digitale e le notizie più interessanti

;