Avete mai fatto caso a quante frasi di circostanza inutili usiamo per levarci dall’imbarazzo di un momento triste? O magari un momento delicato, o nel quale non sentiamo la minima empatia verso la persona che abbiamo davanti ma… qualcosa la dovremo pur dire! Ecco, se poi le andate ad analizzarle, quelle frasi, o peggio ve le sentite dire, capite quanto siano generiche, fastidiose e, talune, anche prive di senso logico!
Vorrei sottoporvene qualcuna.

Auguri e figli maschi! Perché le femmine danno fastidio per principio! Comunque è una frase, per fortuna, abbastanza in disuso, se non si vuole finire il giorno dopo sui giornali.

Cento di questi giorni! Ma pure se avessi 20 anni, a 120 in che condizioni ci dovrei arrivare?

Ti sono vicino nel dolore. Se ti avvicini di più smezziamo! Giuro che non mi offendo.

Si trova sicuramente in un posto migliore. A dire il vero, qui non si trovava poi così male.

So quello che stai provando. Noooo! Non esiste un dolore uguale all’altro! Perché non esiste un sentire uguale all’altro!

Ti auguro di trovare la tua anima gemella! Effettivamente litigo già così poco da sola che mi serve proprio un’altra me da mandare a quel paese!

Come si mangia a casa propria non si mangia da nessuna parte. E meno male! pensa se dovevi pagare pure per mangiare come a casa!

Ai tempi nostri ci si divertiva con poco! A tal proposito, rispolverare il disco di Ian Dury “Sex & Drugs & Rock & Roll”, potrebbe rendere l’idea di cosa si intendesse per “poco”.

I giovani d’oggi vogliono tutto e subito. Invece quelli di ieri ci tenevano a penare la vita intera prima di ottenere un risultato. Sveglissimi, direi!

Le donne maturano prima degli uomini.
Un po’ come per la frutta, con quella troppo matura, al massimo, ci fai la marmellata! Mai che invecchias…ops, maturassero gli uomini. Mai, evergreen!

Cascasse il mondo, da lunedì (giorno facilmente sostituibile dall’inizio di un mese qualunque, particolarmente amati quelli di gennaio o di settembre) mi metto a dieta! Cascasse il mondo, da lunedì (sostituibile come sopra) comincio la palestra! Non ho mai capito l’utilità dell’autoflagellazione ove non esistesse più il mondo e quindi neanche noi (con la seguente estinzione delle palestre e dei nutrizionisti)!

I soldi non sono tutto nella vita e/o non danno la felicità. Vero, non sono tutto…ma a voler andare per il sottile, direi che niente e nessuno può essere tutto! Riguardo al non dare la felicità, sono d’accordo ma concede sempre la possibilità di frequentare, una o più volte la settimana, psicoterapeuti o psichiatri di quelli bravi bravi.

Sono sempre i migliori che se ne vanno. Modo delicato per dire che rimangono sempre gli stronzi e, evidentemente, tra questi ci sei anche tu!

Sentite condoglianze, non ci sono parole! E allora stai zitto, no?

E per finire, l’espressione più utilizzata nel periodo delle feste quando proprio non te ne frega nulla e mandi una frase copia e incolla a tutta la rubrica: auguri a te e famiglia. Sono morti tutti! È la mia risposta preferita.
A volte basterebbe un minuto in più di riflessione, prima di mandare quel messaggio whatsapp o parlare tanto per.
Il famoso “mettersi nei panni dell’altro”… ma mi spiace, la 42 non mi entra!

Tag: frasi fatte, modi di dire

Condividi su

Lascia un commento

Dicci la tua! Scrivi nello spazio qui sotto cosa pensi dell’articolo, la tua opinione è importante per noi.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Ho letto la policy privacy e accetto il trattamento dei miei dati personali

Iscriviti alla
newsletter

di Consumatori

Ricevi ogni mese via mail la rivista digitale e le notizie più interessanti

;