Mondo Coop

Tampon tax, riparte la mobilitazione

Un passo indietro che discrimina le donne e pregiudica una vittoria conseguita appena un anno fa, a seguito di una mobilitazione collettiva nelle piazze, nella rete vendita Coop e on line sulla piattaforma Change.org. Partita da Onde Rosa, un collettivo di giovani donne, ripresa e sostenuta da Coop, la petizione Stop Tampon Tax è stata tra le più firmate della storia della piattaforma Change in Italia e ha raggiunto 683.000 firme digitali (a cui si aggiungono le 80.000 raccolte nei banchetti presso i punti vendita Coop) prima della chiusura annunciata un anno fa a seguito dell’esito positivo raggiunto. Ovvero l’abbassamento dell’Iva sugli assorbenti femminili dal 22% di Iva (l’Iva dei prodotti di lusso) a un più equo 5% realizzato dal Governo Meloni, in linea con altri Paesi europei, a parte eccezioni ben più virtuose come la Spagna. Con la Legge di Bilancio per il 2024 varata dal Governo Meloni però le cose cambiano nuovamente e l’Iva ritorna al 10% sia sugli assorbenti femminili che anche su altre voci di spesa che gravano sulle donne e le famiglie (pannolini per neonati, latte in polvere, eccetera).

Da qui la decisione presa da Coop e Onde Rosa ovvero gli stessi soggetti da cui era stata avviata e sostenuta la prima mobilitazione di riattivare la petizione, rimettere il tema all’attenzione dell’opinione pubblica, riavviare la raccolta. Obiettivo raggiungere 1 milione di firme con lo slogan “Il ciclo è ANCORA un lusso!”.

Coop da parte sua aggiunge un ulteriore elemento di concretezza e dimostra con i propri assorbenti a marchio che abbassare l’Iva al 5% è possibile e lo fa mettendo sui suoi scaffali a partire dal 1° gennaio 2024 le proprie linee assorbendo l’aumento dell’Iva fino a fine aprile 2024 con l’obiettivo di non scaricarlo sulle consumatrici (operazione prevista fino al 30 aprile 2024).

Unanimi le reazioni. “Così come avevamo riconosciuto pubblicamente esattamente un anno fa la bontà della decisione presa allora dal Governo Meloni di abbassare l’Iva sugli assorbenti mettendo fine a una ingiustizia palese, analogamente oggi con il rialzo dell’Iva al 10% non possiamo non prendere una posizione – ammette Maura Latini Presidente Coop Italia – Già a ottobre 2023 quando si paventava una simile possibilità abbiamo rivolto un appello pubblico per invitare il Governo e il Parlamento a tornare indietro su ciò che non è solo un tema economico. Ora riavviamo la mobilitazione e dimostriamo con l’azione sui nostri prodotti che abbassare l’Iva è possibile e necessario e che, se si tratta, come è stato detto, di un’azione inefficace perché da solo l’abbassamento non ha fatto diminuire i prezzi allora si ha a che fare con speculazioni che devono essere controllate e se del caso punite, ma non cancellando i giusti provvedimenti presi”.

Tag: assorbenti, tampon tax

Condividi su

Lascia un commento

Dicci la tua! Scrivi nello spazio qui sotto cosa pensi dell’articolo, la tua opinione è importante per noi.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Ho letto la policy privacy e accetto il trattamento dei miei dati personali

Iscriviti alla
newsletter

di Consumatori

Ricevi ogni mese via mail la rivista digitale e le notizie più interessanti

;