Mondo Coop

Per vegetariani (e non), tofu e seitan a marchio Coop

Viviverde_vegetariani.jpgNel 2013 il consumo di carne degli italiani è diminuito con un taglio del 7 per cento nelle macellazioni bovine, rispetto all’anno precedente. È quanto emerge da una analisi della Coldiretti dalla quale si evidenzia che uno degli effetti più evidenti della crisi è il cambiamento nelle abitudini alimentari degli italiani. Un cambiamento che, però, non pare dovuto solo ed esclusivamente alla crisi, ma sembra sia da imputare anche a una diversa coscienza di quanto sia il peso per l’ambiente della produzione di carne, e ultimo ma non da ultimo, una sempre migliore conoscenza delle norme di corretta alimentazione. Aumentano anche i consumatori che non ritengono etico un’alimentazione basata sul dolore di altri esseri viventi.

Se la consapevolezza che la produzione di carne per l’alimentazione umana ha un elevato peso in termini di impatto ambientale ed etico spinge tanti verso l’alimentazione vegetariana (secondo Eurispes solo in Italia il 4,9% della popolazione è vegetariana e 1,1% vegana), molti altri per ragioni di salute, di prevenzione, di gusto, di curiosità, cercano alternative alla carne.
Certo è che dal punto di vista nutrizionale non esiste l’alimento perfetto che contenga tutte le sostanze essenziali, nella giusta quantità e che sia quindi in grado di soddisfare da solo le nostre necessità nutritive, senza creare scompensi, appesantimenti o altro. C’è un solo e unico  modo  per garantire, in misura adeguata, l’apporto di tutte le sostanze nutrienti a noi indispensabili, ed è quello di variare e combinare il più possibile i diversi alimenti. Noi mediterranei abbiano una fortuna ed è la nostra tradizione che ha pochi eguali al mondo, abbiamo filiere produttive eccellenti, una quantità invidiabile di frutta e ortaggi a disposizione, abbiamo la pasta, la mozzarella, la pizza, il pomodoro, i latticini, il vino, i legumi, l’olio extravergine d’oliva. Sono i pilastri della dieta mediterranea, le materie prime di uno stile di vita che nel 2010 è stato dichiarato patrimonio dell’umanità. Sulla base della dieta mediterranea è stata rivista la piramide alimentare da Inran, oggi Cra-Nut (Centro di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione), piramide che vede alla base i cereali, insieme a frutta e verdura cioè gli alimenti di origine vegetale e via via a salire gli altri alimenti necessari a seconda che la frequenza di consumo consigliata sia giornaliera o settimanale. E troviamo in alto la carne, consigliata per un consumo appunto settimanale, come era tradizionalmente. 


Ma cosa proporre in alternativa alla comoda e veloce bistecca o fettina?
I legumi e la soia e tutti i suoi preparati molto noti fra i vegetariani, insieme ai cereali, sono una buona alternativa al menu con carne. 

Viviverde_vegetariani2.jpg

La linea vivi verde coop propone a base soia burger, ragù, polpettine, fra i piatti pronti surgelati, preparati con materie prime da agricoltura biologica, sono senza grassi tropicali e senza aromi, anche se naturali; burger e polpettine contengono una piccola percentuale di albume d’uovo, come indicato in etichetta, mentre il ragù no ed è quindi adatto anche a chi segue una dieta vegana.  Sono surgelati, ma in padella, o in forno, in pochi minuti  si cuociono diventando fragranti.

Da febbraio tra i piatti pronti freschi vivi verde bio ancora con soia troviamo altri burger e tofu: il caglio di semi di soia, la preparazione è simile a quella del formaggio, si ricava dalla cagliatura del succo della soia e dalla pressatura successiva in stampi; assomiglia a un formaggio molle, ha sapore leggero e molto delicato, si presta ai più diversi abbinamenti in cucina per la preparazione di antipasti,  primi piatti, fino ai dolci. 

Sempre da febbraio anche seitan alla griglia fra i piatti pronti vivi verde, preparato con glutine di frumento insaporito con salsa di soia, può essere presentato così, dopo una rapida cottura, accompagnato da un contorno di verdure fresche o grigliate, ma può anche essere trasformato in uno spezzatino veloce. Nuove anche le crocchette vegetali vivi verde, preparate con soia, farro fiocchi di patate e avena amido di riso, e di mais, insaporite con cipolla sedano carota prezzemolo aglio zenzero, tutto da agricoltura biologica; sono pronte dopo una veloce doratura in padella o al forno. 

Anna Somenzi (gennaio/febbraio 2014)

Condividi su

Lascia un commento

Dicci la tua! Scrivi nello spazio qui sotto cosa pensi dell’articolo, la tua opinione è importante per noi.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Ho letto la policy privacy e accetto il trattamento dei miei dati personali

Iscriviti alla
newsletter

di Consumatori

Ricevi ogni mese via mail la rivista digitale e le notizie più interessanti

;