Mondo Coop

Il tribunale di Roma dà ragione a Coop: diffamata da conduttore e giornalista di “Virus” di Rai 2

Il Tribunale Penale di Roma ha riconosciuto la responsabilità di Nicola Porro e Filippo Barone, all’epoca dei fatti conduttore e giornalista della trasmissione di Rai2 “Virus”, per il reato di diffamazione nei confronti di Coop Italia.
La sentenza di primo grado condanna i due imputati a una multa e al risarcimento delle spese legali, mentre il risarcimento dei danni sarà da determinare in sede civile. L’origine della denuncia è una puntata di “Virus” del dicembre 2014 in cui l’indagine su “Mafia Capitale” è stata accostata alla messa in onda del marchio Coop e dello spot pubblicitario “La Coop sei tu”.
«Abbiamo accolto positivamente la decisione del Tribunale di Roma. Ci è sembrata fin dall’inizio doverosa la denuncia di fronte a un accostamento tendenzioso e lesivo della reputazione del nostro marchio – sottolinea Marco Pedroni, presidente di Coop Italia – Ora spettiamo di conoscere le motivazioni della sentenza che saranno depositate nei prossimi 60 giorni».

Condividi su

Lascia un commento

Dicci la tua! Scrivi nello spazio qui sotto cosa pensi dell’articolo, la tua opinione è importante per noi.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Ho letto la policy privacy e accetto il trattamento dei miei dati personali

Iscriviti alla
newsletter

di Consumatori

Ricevi ogni mese via mail la rivista digitale e le notizie più interessanti

;