Mondo Coop

Coloranti (e Cole): Coop non li usa dagli anni ’70

 

Coloranti (e Cole): Coop non li usa dagli anni '70

Ho letto che lo Stato della California è intervenuto a proposito dei coloranti usati per bevande tipo Coca Cola e Pepsi. È vero? E Coop che scelte ha fatto sulla sua Cola?
Maria Pia Rovinetti – La Spezia

Risponde Claudio Mazzini 
Resposabile Sostenibilità Innovazione e Valori di Coop Italia

Sì è vero, qualche giorno fa lo Stato della California ha inserito il 4-Mei, un ingrediente del caramello artificiale usato per ottenere il colore marrone di molte bevande gassate, nella lista delle sostanze potenzialmente cancerogene.
Pertanto a seguito di questa decisione i due colossi delle famose bibite gassate, hanno deciso di ridurre la percentuale di tale ingrediente a scapito del colore che sarà necessariamente un po' più pallido.
Già lo scorso anno il Center for Science in the Pubblic Interest, aveva reso noto come il 4-Mei poteva rappresentare un pericolo per la salute, ed ha fatto richiesta alla FDA (l’ente americano per la tutela della salute) di bandire i coloranti sintetici a base di ammoniaca. Infatti, a differenza del caramello che si può fare a casa sciogliendo lo zucchero in un tegame, il caramello che dà il colore scuro caratteristico di molte bibite è ottenuto con una reazione tra zucchero, ammoniaca e solfiti ad alta temperatura e pressione. Questa notizia però non è che l’ultima in ordine di tempo, infatti da anni su molti coloranti, pur ammessi dalle diverse normative, sono emersi dubbi o evidenze scientifiche relative a possibili rischi di allergie/intolleranze, mutamenti comportamentali nei bambini, ed in alcuni studi addirittura potenziali rischi di tossicità.
Questo problema non tocca minimamente i prodotti a marchio Coop per i quali, fin dagli anni '70, si è scelto il divieto assoluto di utilizzo di tutti i coloranti nei prodotti alimentari a proprio marchio. Quindi nella Cola Coop il colore è determinato esclusivamente da estratti naturali.
La decisione di non utilizzare coloranti non comporta banalmente un semplice “non impiego” ma un lavoro di ricerca e sviluppo. È evidente che rinunciare all’uso dei coloranti in prodotti per i quali il consumatore è abituato ad avere un riferimento “più vivace” comporta la necessità di uno studio della formulazione che riesca a garantire un prodotto ugualmente gradevole.
Nel caso ad esempio della Cola a marchio Coop il colore è ottenuto grazie alla presenza di estratto di malto ingrediente naturale che si ottiene dalla tostatura dell’orzo. Inoltre la produzione deve seguire procedure precise sia a livello di reperimento delle materie prime sia a livello produttivo per evitare contaminazioni.
In Coop è vietato altresì l’utilizzo di coloranti sintetici nell’alimentazione degli animali destinati a fornire prodotti o ingredienti utilizzati per le produzioni a marchio come, per esempio, uova per il consumo fresco o gli ovoprodotti per la pasta all’uovo. I colori dei prodotti Coop saranno forse meno “vivaci”… ma lo saranno naturalmente!

Condividi su

Lascia un commento

Dicci la tua! Scrivi nello spazio qui sotto cosa pensi dell’articolo, la tua opinione è importante per noi.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Ho letto la policy privacy e accetto il trattamento dei miei dati personali

Iscriviti alla
newsletter

di Consumatori

Ricevi ogni mese via mail la rivista digitale e le notizie più interessanti

;