Cultura e tempo libero

“Tecnobarocco”, quando la tecnologia non ci aiuta

TozzI_libro.jpgSi chiama “Tecnobarocco” ed è il nuovo libro di Mario Tozzi, ricercatore Cnr, divulgatore televisivo e ormai storica firma della nostra rivista (con la rubrica “Un pianeta da difendere“), che questa volta dedica la sua attenta analisi alla tecnologia del terzo millennio. Il libro  vuole dimostrare come questa tecnologia, così presente nella nostra vita, non aiuti, come dovrebbe, gli uomini a migliorare la propria esistenza né a ridurre gli impatti sul pianeta. Non è semplice, né utile e nemmeno educativa. La tecnologia moderna, totalmente slegata dalla radice scientifica, è – invece – fine a se stessa, «barocca» appunto, dannosa e insostenibile da un punto di vista ambientale.

Viene in genere messa in campo per rimediare ai danni perpetrati da una tecnologia precedente, incrementa i profitti basati sui bisogni indotti, accelera l’obsolescenza di oggetti e macchine, è costosa e fa perdere tempo. Attraverso esempi e veri e propri «confronti all’americana», Mario Tozzi dimostra l’inutilità di alcuni bizzarri marchingegni che riteniamo ormai indispensabili – e di cui potremmo fare tranquillamente a meno. D’altro canto, il libro vuole sottolineare l’utilità di quella tecnologia semplice che ha rappresentato un vero miglioramento nelle condizioni della vita degli uomini senza compromettere l’ecosistema Terra. 

Mario Tozzi, Tecnobarocco
ed. Einaudi, 250 pagine, 18 euro

Condividi su

Lascia un commento

Dicci la tua! Scrivi nello spazio qui sotto cosa pensi dell’articolo, la tua opinione è importante per noi.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Ho letto la policy privacy e accetto il trattamento dei miei dati personali

Iscriviti alla
newsletter

di Consumatori

Ricevi ogni mese via mail la rivista digitale e le notizie più interessanti

;