Cultura e tempo libero

Le Coop antimafia diventano un film con Accorsi e Rubini

Film_La_nostra_terra.jpgÈ una storia di antimafia fatta piantando pomodori. Non con i proclami, non con le prediche. Sudore e rischio personale, invece. Concretezza e passi quotidiani. È la storia di tutte le cooperative che lavorano i beni confiscati alle mafie. Ed è la storia raccontata da “La nostra terra” il film con Stefano Accorsi e Sergio Rubini che sarà in tutte le sale dal 18 settembre. Portando finalmente alla ribalta un fenomeno che continua a crescere, nonostante le tante difficoltà.

“La nostra terra” sarà distribuito da Visionaria ed è diretto da Giulio Manfredonia. La storia che racconta è emblematica. Lo Stato sequestra un podere a Nicola Sansone, in carcere per mafia e lo assegna a una cooperativa che però non riesce – per questioni burocratiche e boicottaggi – ad avviare l’attività. Per questa ragione i soci scrivono a un’Associazione esperta di beni confiscati alle mafie.

 In loro aiuto viene mandato Filippo, un uomo che da anni fa l’antimafia lavorando in un ufficio, e quindi impreparato ad affrontare la questione “sul campo”. La storia si snoda tra gli ostacoli che incontra e le paure che deve superare, resistendo all’impulso frequente di mollare tutto. Potete vedere il trailer su YouTube o seguire “La nostra terra” su Facebook.

(29 agosto 2014)

Condividi su

Lascia un commento

Dicci la tua! Scrivi nello spazio qui sotto cosa pensi dell’articolo, la tua opinione è importante per noi.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Ho letto la policy privacy e accetto il trattamento dei miei dati personali

Iscriviti alla
newsletter

di Consumatori

Ricevi ogni mese via mail la rivista digitale e le notizie più interessanti

;