Cultura e tempo libero

Italia… misteriosa. In viaggio lungo la penisola

Castello_Vallaise_Arnad.jpgSolo pochi chilometri separano alcune delle principali località turistiche italiane da luoghi quasi sconosciuti, ricchi di storie e leggende.  Sono un pezzo di quell’Italia segreta e misteriosa dove si incrociano riti ancestrali, miti, credenze e racconti. Un territorio spesso inesplorato, da scoprire con una simpatica gita durante la tradizionale vacanza al mare o ai monti. E partiamo proprio da questi ultimi. Arnad è un paese all’inizio della Valle d’Aosta, non lontano dalle principali mete turistiche, noto per l’unico lardo europeo a denominazione di origine protetta, al quale il borgo dedica una festa (www.festalardo.it), dal 29 al 31 agosto. Una strada di campagna conduce a un parcheggio ai piedi del suggestivo Santuario di Machaby, che la leggenda vuole edificato in un luogo abitato da una strega vipera e un diavolo con sette teste. Proseguendo per la mulattiera si arriva alla misteriosa pietra liscia alla quale sono stati assegnati poteri magici legati a un antico e misterioso rito della fertilità. Il vicino agriturismo (www.lodzerby.it) propone gustosissimi piatti tipici a base di prodotti quasi totalmente provenienti dalle coltivazioni della famiglia che lo gestisce.  

In Valtellina si trova invece il paese fantasma di Savogno, raggiungibile con una passeggiata di un paio di ore partendo  dalle spettacolari cascate dell’Acquafraggia, nei pressi di Borgonuovo di Piuro. Su queste case aleggia una leggenda legata al periodo della peste e alla rivalità con il vicino borgo di Dasile.  Durante la passeggiata si ammira un gigantesco torchio in legno del 1706 e ci si può rifocillare in un simpatico rifugio (www.rifugiosavogno.it), ricavato dalla ristrutturazione dell’ex scuola elementare.  

val_sarentinoBIG.jpgLa Val Sarentino (www.sarntal.com) si trova tra i monti dell’Alto Adige ed è dominata da leggendari uomini di pietra costruiti da mani ignote su un piccolo altopiano che a 2000 metri d’altezza domina il paese principale. E la leggenda vuole che nel Medioevo presso questi dolmen preistorici si ritrovassero le streghe. Anche Triora, un bel villaggio medievale dell’alta Valle Argentina, alle spalle della Riviera Ligure, è nota per le sue streghe. Nel 1587 il paese ospitò il più famoso e studiato processo alle streghe di tutta Liguria che coinvolse una ventina di umili donne che abitavano la zona più povera del paese. Come ricorda il piccolo e curioso museo (www.museotriora.it) ospitato nelle vecchie carceri. 

Scoglio_PianosaBIG.jpgL’isola di Pianosa (www.pianosa.net), nell’Arcipelago Toscano, si visita solo con le escursioni guidate con partenza da Piombino o Rio Marina, sull’Elba. Bella, selvaggia e ancora in parte sconosciuta, l’isola fu utilizzata come sanatorio e carcere e ha ospitato un piccolo e misterioso laboratorio batteriologico, dove si conducevano strani esperimenti. Poche decine di chilometri separano Offagna (www.laterradeicastelli.it) dalla Riviera del Conero, vicino ad Ancona. Il vicino Monte della Crescia fu prima luogo di insediamenti piceni e di villaggi celtici, poi centro amministrativo dell’antica Massa Afraniana, quindi sito di un antico castello medioevale distrutto e poi risorto, rifugio per un’insolita setta religiosa e infine, nel 1944, teatro di una sanguinosa battaglia per la conquista di Ancona tra tedeschi e alleati. Ma è anche un luogo magico e suggestivo, dove convergono misteriosi cunicoli che collegavano il monte ai centri abitati di Offagna e Santo Stefano, passando sotto altre tre colline, e dove si narra sia nascosto un tesoro protetto da un fantasma.

Giuseppe Ortolano (luglio/agosto 2014)

Condividi su

Lascia un commento

Dicci la tua! Scrivi nello spazio qui sotto cosa pensi dell’articolo, la tua opinione è importante per noi.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Iscriviti alla
newsletter

di Consumatori

Ricevi ogni mese via mail la rivista digitale e le notizie più interessanti