Consumi

Tassa sulla carta di credito, multata Ryanair

aereoplano.jpgL’Antitrust ha punito la compagnia area Ryanair con multa da 400mila euro per reiterata inottemperanza a una delibera dell’Autorità che riguarda l’indicazione sul prezzo effettivo dei biglietti aerei.
Secondo l’Antitrust Ryanair, a partire dal primo dicembre 2012, data in cui avrebbe dovuto modificare le modalità di rappresentazione ai consumatori del prezzo dei biglietti aerei offerti, e fino alla data del 7 febbraio 2013, quando ha rimosso i profili di scorrettezza contestati, non ha rispettato gli impegni presi.
In particolare, in quell’arco temporale, la società ha introdotto un nuovo supplemento, denominato “tassa carta di credito”, richiesto solo al termine del processo di prenotazione online di un volo in caso di pagamento con numerose carte di credito (Ryanair Mastercard, Ryanair Visa, Voucher prepagato 3V Visa, Master Card e Visa), di importo pari al 2% del prezzo del servizio di trasporto selezionato dal consumatore.
Si tratta quindi di una multa comminata per la presentazione della tassa, e non per la tassa in sé. Perché  – come spiega l’Antitrust – il prezzo dei biglietti per il trasporto aereo deve essere chiaramente ed integralmente indicato, sin dal primo contatto con il consumatore, in modo da rendere immediatamente percepibile l’esborso finale. I principali concorrenti di Ryanair, grazie all’azione dell’Autorità, hanno recepito tale principio lo scorso anno.

23 aprile 2013

Condividi su

Lascia un commento

Dicci la tua! Scrivi nello spazio qui sotto cosa pensi dell’articolo, la tua opinione è importante per noi.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Ho letto la policy privacy e accetto il trattamento dei miei dati personali

Iscriviti alla
newsletter

di Consumatori

Ricevi ogni mese via mail la rivista digitale e le notizie più interessanti

;