Consumi

macchine per il pane. C’è anche quella per celiaci

macchina_pane.jpgPer rianimare il mercato un po’ fiacco delle macchine per il pane (in calo dell’8%, soprattutto nelle fasce medio basse sotto gli 80 euro), ne hanno inventata una per celiaci. Sette programmi su 20 sono dedicati, infatti, a ricette senza glutine, gli altri a ricette dietetiche o tradizionali con tanto di ricettario del dolce e del salato.
La principale funzione di questi apparecchi è di impastare il pane, farlo lievitare e cuocerlo in vari formati: dalla classica pagnotta a panini, ciabatte e baguette. Ogni giorno lo si può avere fresco in tavola, genuino ed economico, anche di farina integrale, semplicemente dosando i vari  ingredienti, mettendoli nel cestello nel giusto ordine e programmando il dispositivo. Dopodiché si aspetta il segnale che tutto è pronto. Esistono tuttavia caratteristiche aggiuntive che i consumatori apprezzano sempre più, analizzando il trend degli accquisti, come preparare gli impasti per la pasta e la pizza. Nella scelta vanno valutate la capienza (da mezzo chilo a un paio di chilogrammi in genere), il numero dei programmi, il timer per la partenza ritardata (utile per risparmiare energia) con un occhio, infine, al problema più comune, quello del surriscaldamento.

Le principali differenze

Impastatori
– permettono qualsiasi tipo di impasto e di realizzare pasta fresca con un unico prodotto
– sono versatili, grazie a una miriade di accessori e si usano quotidianamente per tritare, grattare, montare,frullare ecc.
– indicati anche per quantità e un uso frequente 

Macchine per il pane 
– preparano vari formati senza rilavorazioni, facilmente programmabili per avere il pane caldo ogni mattina o la marmellata
– cuociono e non sporcano
– indicati per quantità anche modeste


Le mani sul portafogli

Impastatori
– sotto i 100 euro: modelli di primo prezzo con dotazioni di serie
– da 100 a 400 euro: prodotti marcati e con maggiore potenza
– da 500 euro in su: macchine più professionali e con design d’arredo 

Macchine per il pane
– da 50 euro per i modelli di primo prezzo, fino a 200 euro con programmi per celiaci

I prezzi sono indicativi e soggetti alle variazioni del mercato

 

Condividi su

Lascia un commento

Dicci la tua! Scrivi nello spazio qui sotto cosa pensi dell’articolo, la tua opinione è importante per noi.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Iscriviti alla
newsletter

di Consumatori

Ricevi ogni mese via mail la rivista digitale e le notizie più interessanti