Consumi

Bersani: «Gas e luce, non è una vera liberalizzazione»

Pierluigi Bersani, considerato il padre delle liberalizzazioni, in diversi interventi pubblici ha avanzato non poche obiezioni su quello che ha definito un «trasferimento forzoso di una massa di utenti trattati come pacchi postali non verso un mercato libero, ma verso altri fornitori».

Onorevole, cosa non le piace rispetto al ’99 quando era ministro dell’Industria nel governo Prodi? Come se l’era immaginato, allora, il finale di questo processo di apertura del mercato? Convinsi allora l’Unione europea a consentire un particolare istituto (secondo una idea che avevo mutuato dalla secolare esperienza della cooperazione italiana) che funzionasse come una centrale d’acquisto a servizio di piccoli utenti associati. Tale istituto, come avvenne poi, funzionò sempre utilizzando strumenti di mercato e con piena libertà di ciascun utente di fare altre scelte. Nel 2017 furono inibiti all’Acquirente Unico alcuni di questi fondamentali strumenti (contratti a lungo termine e a prezzo fisso con garanzia assicurativa), fino ad arrivare ad oggi al suo superamento.

L’Acquirente Unico al servizio della maggior tutela fu concepito perché i piccoli utenti, associati tra loro, diventassero attori di mercato. Lei lo avrebbe fatto sopravvivere anche in pieno mercato libero dell’energia? Molto semplicemente, l’Acquirente Unico avrebbe potuto assumere direttamente la remunerazione del distributore, fin qui affidata all’Authority, che ne avrebbe comunque indicato i criteri e sarebbe sopravvissuto finché sarebbe stata utile la sua funzione. Il singolo utente è sempre stato libero e nel futuro avrebbe potuto affidarsi a un’altra offerta ritenuta migliore. Un mercato capace di fornire a miglior prezzo avrebbe reso di per sé superfluo l’istituto. 

Dunque non è vera liberalizzazione questa secondo lei. Farlo sparire forzosamente per cinque milioni di utenti non è certo una scelta liberale. Tanto è vero che si vedrà che in un periodo lungo di transizione avremo per questi utenti un sistema sostanzialmente tariffato. Bella liberalizzazione! 

Tag: luce e gas, liberalizzazione, energia

Condividi su

Lascia un commento

Dicci la tua! Scrivi nello spazio qui sotto cosa pensi dell’articolo, la tua opinione è importante per noi.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Ho letto la policy privacy e accetto il trattamento dei miei dati personali

Iscriviti alla
newsletter

di Consumatori

Ricevi ogni mese via mail la rivista digitale e le notizie più interessanti

;