Attualità

Per battere l’evasione, largo alla moneta elettronica

Carte_di_credito.jpg“La lotta all’evasione fiscale e al riciclaggio passa necessariamente attraverso il potenziamento dei pagamenti elettronici come unico strumento per garantire la tracciabilità”. E’ quanto ribadisce Antonio Longo, Presidente del Movimento Difesa del Cittadino, sulla scia del G7 finanziario che si è svolto in Inghilterra 4 giorni fa e che ha posto la lotta all’evasione come obiettivo comune. “Il G7 ha confermato la necessità di una nuova e attenta regolamentazione e di nuovi accordi da parte dei decisori europei ed italiani per una capillare diffusione dei pagamenti elettronici che tutelino anche i consumatori” precisa Longo.

Riprendendo i dati presentati nel corso di un convegno sui sistemi di pagamento tenutosi ieri a Bruxelles all’European Institute, Longo ha richiamato in particolare gli esempi degli interventi sul tema portati avanti in Australia e Spagna negli ultimi anni. “In entrambi i Paesi, il regolatore ha maldestramente e arbitrariamente abbassato le commissioni interbancarie, nel tentativo di promuovere il maggiore utilizzo dei pagamenti elettronici. Il risultato maggiormente evidente è stato uno sbilanciamento dei costi a danno dei consumatori finali: in Australia, il costo complessivo per i consumatori è stato di 500 milioni di dollari; in Spagna, invece, il costo per il possesso delle carte è aumentato del 50% tra il 2006 e il 2010” ha commentato il Presidente di MDC.

“La Commissione  UE, nel valutare un potenziale intervento per rendere trasparente l’uso delle carte di pagamento, dovrà necessariamente tener conto dei dati empirici sugli effetti di un’abolizione di tali commissioni, o di una riduzione delle stesse”. L’alterazione dell’equilibrio di mercato si traduce non solo nella distorsione della concorrenza, ma anche in un danno economico per la collettività, e per i possessori di carte di credito, che saranno gravati da costi di gestione più alti, proprio come dimostrato dalla ricerca sul caso spagnolo condotta dall’Università Autonoma di Madrid Rey Juan Carlos. “Puntiamo sugli incentivi all’utilizzo della moneta elettronica, in particolare mediante la previsione di detrazioni fiscali per coloro che privilegiano metodi di pagamento tracciabili. Non sempre la regolamentazione a tutti i costi è la soluzione più auspicabile per il consumatore” ha concluso Longo.

16 maggio 2013

fonte: helpconsumatori

Condividi su

Lascia un commento

Dicci la tua! Scrivi nello spazio qui sotto cosa pensi dell’articolo, la tua opinione è importante per noi.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Ho letto la policy privacy e accetto il trattamento dei miei dati personali

Iscriviti alla
newsletter

di Consumatori

Ricevi ogni mese via mail la rivista digitale e le notizie più interessanti

;