Attualità

L’Imu per le imprese? “Ricade tutta sulle famiglie”

Capannone.jpgMentre nel governo si discute dell’Imu sulla prima casa, c’è chi si preoccupa per un’altra Imu, quella per le imprese e gli esercenti che, secondo Federconsumatori, viene scaricato sui cittadini.
“Vogliamo ribadire una volta per tutte, infatti – si legge in una nota – che qualsiasi costo o aggravio a carico delle imprese inevitabilmente ricade sulla determinazione dei prezzi e delle tariffe. Secondo quanto calcolato dall’O.N.F. – Osservatorio Nazionale Federconsumatori le ricadute indirette dovute al pagamento dell’IMU da parte di aziende, esercenti, ecc. sui prezzi e sulle tariffe sono pari complessivamente a 480 Euro annui a famiglia.
Cifra che si aggiunge a quanto i cittadini dovranno pagare in termini diretti per tale imposta e che si somma alla stangata del 2013 per l’aumento di prezzi e tariffe, che complessivamente comporta aumenti pari a +1.492 Euro a famiglia (lo studio completo è disponibile sul sito Federconsumatori).
Per questo è urgente ed indispensabile che il Governo decida immediatamente di eliminare l’IMU sulla prima casa – sostiene Federconsumatori – fatta eccezione per abitazioni di lusso e le ville. In caso contrario, tra costi diretti e ripercussioni indirette dovute all’applicazione di tale imposta, i cittadini si troveranno a far fronte a costi insostenibili, pari a circa +683 Euro annui.
Un importo che equivale, per fare un esempio, a un mese e mezzo di spesa alimentare di una famiglia media.
“Inutile sottolineare che, per far fronte a tale costo, le famiglie dovranno tagliare ulteriormente i propri consumi, alimentando sempre di più la spirale recessiva in cui da anni è precipitata la nostra economia- dichiarano Rosario Trefiletti ed Elio Lannutti. Agire sull’IMU non sarà però sufficiente a rilanciare la domanda interna e lo sviluppo economico: ulteriori passi fondamentali da compiere sono eliminare categoricamente l’incremento dell’IVA, che avrà effetti deleteri per l’intera economia, nonché agire concretamente per la ripresa degli investimenti destinati all’occupazione e alla crescita”.

27 agosto 2013 – fonte: federconsumatori

Condividi su

Lascia un commento

Dicci la tua! Scrivi nello spazio qui sotto cosa pensi dell’articolo, la tua opinione è importante per noi.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Ho letto la policy privacy e accetto il trattamento dei miei dati personali

Iscriviti alla
newsletter

di Consumatori

Ricevi ogni mese via mail la rivista digitale e le notizie più interessanti

;