Attualità

I dieci consigli dell’Abi per l’home banking sicuro

Sicurezza_internet_.jpgI dati dell’Osservatorio sicurezza e frodi informatiche di Abi Lab dicono che nel 2015 lo 0,0031% appena degli utenti che si sono collegati a un Internet banking hanno subito frodi con danno economico: cioè una frode riuscita ogni 32.200 clienti. Sì, la percentuale è bassa, ma come evitare di essere proprio noi i frodati? Ecco i dieci consigli dell’Abi, Associazione banche italiane.

Diffida di qualsiasi messaggio, anche se apparentemente autentico, ricevuto tramite e-mail, sms, social network, ecc. che ti invita a scaricare documenti o programmi in allegato. Potrebbero contenere dei malware che si installano sul tuo pc

Diffida di qualunque richiesta di dati relativi a carte di pagamento, chiavi di accesso all’home banking o altre informazioni personali ricevute su qualsiasi canale digitale (e-mail, sms, ecc.). La tua banca e qualunque altra autorità non ti chiederanno mai queste informazioni

Per connetterti al sito della tua banca, scrivi direttamente l’indirizzo nella barra di navigazione. Non cliccare su link presenti su e-mail e sms, che potrebbero invece condurti su siti contraffatti, molto simili all’originale

Controlla regolarmente le movimentazioni del tuo conto corrente per assicurarti che le transazioni riportate siano quelle realmente effettuate, e utilizza eventuali strumenti di notifica delle operazioni svolte se messi a disposizione dalla tua banca

Verifica l’autenticità della connessione con la tua banca, controllando con attenzione il nome del sito all’interno della barra di navigazione. Se è presente, clicca due volte sull’icona del lucchetto (o della chiave) che vedi in basso a destra nella finestra di navigazione e verifica la correttezza dei dati che vengono visualizzati

Durante la navigazione in Internet, installa solo programmi di cui puoi verificare la provenienza

Installa e mantieni aggiornati software di protezione (antivirus e antispyware), ed effettua scansioni periodiche del tuo hard disk

Aggiorna costantemente sistema operativo e applicativi del computer, installando solo gli aggiornamenti ufficiali disponibili sui siti web delle aziende produttrici

Fai attenzione a eventuali peggioramenti delle prestazioni generali (rallentamenti, apertura di finestre non richieste, ecc.) o a qualsiasi modifica improvvisa delle impostazioni di sistema, che possono indicare infezioni sospette.

Se riscontri problemi o anomalie nei servizi di home banking rivolgiti alla tua banca, che potrà darti informazioni utili

Condividi su

Lascia un commento

Dicci la tua! Scrivi nello spazio qui sotto cosa pensi dell’articolo, la tua opinione è importante per noi.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Ho letto la policy privacy e accetto il trattamento dei miei dati personali

Iscriviti alla
newsletter

di Consumatori

Ricevi ogni mese via mail la rivista digitale e le notizie più interessanti

;