Attualità

Beni confiscati alle mafie, ecco perché bisogna agire in fretta

Libera_Terra.jpgQuello dell’utilizzo dei beni confiscati alle mafie è uno dei cardini dell’identità e dell’impegno di Libera. Il valore simbolico delle cooperative che ormai da anni lavorano le terre una volta in mano ai boss è straordinario. Ma dietro a questi successi esiste una realtà molto più ampia e complessa.

Infatti le indagini e gli accertamenti della magistratura e delle forze dell’ordine hanno portato alla confisca definitiva di ingenti patrimoni immobiliari (secondo gli ultimi dati disponibili si tratta di 11.238 immobili e 1.708 aziende). Il tema è impedire che le lunghezze burocratiche e processuali portino a far deperire o fallire questi beni e a non consentire il loro utilizzo. Oggi i beni sequestrati sono tre volte tanto rispetto a quelli per i quali la procedura di confisca è già stata completata. Esiste un enorme patrimonio che deve essere gestito meglio.

“Bisogna rafforzare i Tribunali delle misure di prevenzione, rendere trasparente l’albo degli amministratori giudiziari e dare forza all’Agenzia per la gestione dei beni confiscati – spiega il coordinatore di Libera, Enrico Fontana – che è di fatto paralizzata in attesa che il Governo definisca una sua riorganizzazione. Il punto è che, ormai da diversi mesi nessuno dei beni sequestrati viene più affidato a chi invece sarebbe pronto a farlo rivivere. In particolare per le aziende il rischio è che queste falliscano, con la conseguente perdita del lavoro per tante persone”.

luglio 2014

Condividi su

Lascia un commento

Dicci la tua! Scrivi nello spazio qui sotto cosa pensi dell’articolo, la tua opinione è importante per noi.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Ho letto la policy privacy e accetto il trattamento dei miei dati personali

Iscriviti alla
newsletter

di Consumatori

Ricevi ogni mese via mail la rivista digitale e le notizie più interessanti

;