Ambiente

Una firma per fermare l’ecocidio in Europa

Ecocidio.jpgNel gennaio di quest’anno è stata lanciata un’iniziativa dei cittadini europei che punta a far riconoscere legalmente l’ecocidio – cioè la distruzione ambientale – come un crimine, punibile non solo con risarcimenti monetari da parte dei responsabili. L’obiettivo è la raccolta di un milione di firme in almeno 7 paesi dell’Unione Europea entro gennaio 2014, per far sì che la proposta venga presa in considerazione dalla Commissione europea e, successivamente, passi alla discussione in Parlamento. Si firma sul sito dedicato a combattere l’ecocidio.   

Ecco perché firmare, secondo gli organizzatori della campagna, tra cui Legambiente, Italia Nostra e il Forum italiano per la terra e il paesaggio:
Per avere una legge che ponga fine a diversi tipi di distruzione ambientale
Perché le persone in grado di decidere siano tenute responsabili
Per preservare e proteggere la biodiversità
Per proteggere gli ecosistemi, non solo i suoi component come il suolo, l’aria, la flora e la fauna
Per avviare la trasformazione verso un mondo sostenibile
Per assicurare un futuro alle prossime generazioni
Per contribuire a un cambiamento nei valori e ai diritti che diamo alla terra

Potenziali casi di ecocidio attualmente perseguibili sarebbero, tra gli altri, le operazioni di fratturazione idraulica, comunemente nota come fracking, che è una tecnica utilizzata per estrarre idrocarburi come il gas naturale e il petrolio dal terreno. O anche lo spopolamento degli alveari causato dalla morte delle api a causa del pesticida clothianidin (o clotianidina).

3 ottobre 2013

Condividi su

Lascia un commento

Dicci la tua! Scrivi nello spazio qui sotto cosa pensi dell’articolo, la tua opinione è importante per noi.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Iscriviti alla
newsletter

di Consumatori

Ricevi ogni mese via mail la rivista digitale e le notizie più interessanti