1. Home
  2. Ambiente
  3. Parigi impone i 30 km/h su un terzo delle vie urbane
Ambiente

Parigi impone i 30 km/h su un terzo delle vie urbane

Torre_Eiffel.jpgUna scelta rivoluzionaria, per una metropoli come Parigi, quella di puntare sulla mobilità sostenibile per una maggiore sicurezza di bici e pedoni. I cittadini (o meglio gli automobilisti) della capitale, dall’inizio di settembre, devono infatti fare i conti con i nuovi limiti di velocità, che interessano oltre un terzo delle vie urbane, dove le auto non possono oltrepassare i 30 Km/h.
La misura era già stata sperimentata nell’aprile del 2012 nel 10° arrondissement – attualmente in quest’area il 60% della popolazione si muove a piedi, il 27% coi mezzi pubblici, il 7% in macchina e il 4% in bicicletta – mentre ora verrà applicata su più ampia scala. Adesso sono un centinaio le zone residenziali interessate, così come oltre mille scuole, numerosi centri commerciali e alcuni assi di scorrimento declassati dal municipio a strade di quartiere. In 23 zone considerate particolarmente a rischio (e per questo definite “critiche”), il limite di velocità passerà da 30 a 20 km/h.

Grazie alla misura introdotta dal sindaco Bertrand Delanoë, Parigi dispone ora di 560 chilometri di strade a velocità moderata, equivalenti al 37% della rete stradale cittadina nel suo complesso. Parigi, promotrice e fautrice della mobilità “slow” e “green”,  si schiera dunque dalla parte dei più vulnerabili e per incentivare l’uso della bicicletta, ed è per questo disposta a chiudere anche un occhio: ad esempio, ai ciclisti sarà concesso svoltare a destra anche quando il semaforo è rosso (senza dunque infrangere il codice e per questo incorrere in alcuna sanzione), o percorrere contro mano strade a senso unico. “Non vogliamo criminalizzare gli automobilisti – ha commentato il responsabile trasporti dell’amministrazione parigina, Julien Bargeton – ma fargli capire che non sono gli unici utenti della strada e che la nostra politica di riduzione del traffico privato individuale, dal 2001 a oggi, ha permesso di ridurre del 25% l’uso dell’auto“.

17 settembre 2013 – fonte: tuttogreen

 

Condividi su

Lascia un commento

Dicci la tua! Scrivi nello spazio qui sotto cosa pensi dell’articolo, la tua opinione è importante per noi.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Iscriviti alla
newsletter

di Consumatori

Ricevi ogni mese via mail la rivista digitale e le notizie più interessanti