Alimentazione

Uva senza semi, eterna giovinezza

uva

La vite è il simbolo della vita stessa, lo dice la parola! Significa abbondanza, prosperità, fertilità, sacrificio, fede, ma anche saggezza. E mangiare l’uva, che è il suo frutto, è sempre stato considerato un toccasana, tant’è vero che esiste l’ampeloterapia, la dieta dell’uva, di gran voga nel secolo scorso, a scopo disintossicante e consigliata per la bellezza della pelle. Una ragione c’è: l’uva è ricca di antiossidanti, ergo produce un effetto antinvecchiamento a tutto tondo, dentro e fuori il nostro organismo. In particolare gli antiossidanti contenuti nella nostra uva bianca sono i polifenoli e flavonoidi, talmente potenti da ridurre anche il rischio di malattie croniche. Un effetto forever young a cui contribuiscono anche le numerose sostanze antinfiammatorie.

Tra le vitamine, ecco l’insostituibile vitamina C, che supporta il sistema immunitario, e la vitamina K, indispensabile per la salute delle ossa. Il chicco intero, compresa la buccia, fornisce fibre soprattutto solubili che contribuiscono alla coretta coagulazione del sangue. Va ricordato inoltre che l’uva contiene anche zuccheri naturali; il suo consumo deve perciò essere moderato da parte di chi deve controllare la glicemia.

L’uva bianca in offerta in questo periodo alla Coop viene proposta nella linea Origine e dunque, pur essendo di importazione, offre le stesse tutele di prodotto e le stesse garanzie della filiera Coop. Si tratta inoltre di uva senza semi, una varietà che riduce il rischio di aspirare involontariamente i semi durante il consumo: un vantaggio soprattutto per i bambini e gli anziani.
La tipologia di uva senza semi non è, va ricordato, una specie Frankenstein ottenuta in laboratorio con chissà quali manipolazioni. Nascono infatti da naturalissimi processi di selezione e di ibridazione.

COME SCEGLIERLA La buccia deve essere integra, senza ammaccature. La patina bianca sugli acini – la pruina – è una cera naturale prodotta dall’uva stessa per proteggersi dal sole.

PERCHÉ SCEGLIERLA Poiché i semi possono contenere tannini che influiscono sul sapore, l’assenza di semi preserva il gusto naturale dell’uva

COME CONSUMARLA Aggiungi l’uva senza semi a insalate miste per un tocco dolce e succoso. Combina l’uva con verdure a foglia verde, formaggio e noci, per fare il pieno di antiossidanti.

Tag: uva, coop origine

Condividi su

Lascia un commento

Dicci la tua! Scrivi nello spazio qui sotto cosa pensi dell’articolo, la tua opinione è importante per noi.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Ho letto la policy privacy e accetto il trattamento dei miei dati personali

Iscriviti alla
newsletter

di Consumatori

Ricevi ogni mese via mail la rivista digitale e le notizie più interessanti

;